Stampare nel cloud SAP S/4HANA

Language Options

È passato molto tempo dal mio ultimo articolo su SAP e sulla gestione dell’output aziendale VPSX. Forse, ne è passato troppo. Ma con tutti i cambiamenti apportati all’architettura SAP negli ultimi anni, particolarmente quelli che riguardano il cloud, credo sia giunta l’ora di fare un quadro generale della situazione.

SAP è passato rapidamente a supportare le nuove realtà cloud e, ancora una volta, la sua terminologia è cambiata, per cui abbiamo ora S/4HANA Any Premise. La soluzione è adatta per funzionare nel cloud aziendale HANA (HEC), con altri fornitori di cloud, o in un ambiente on-premise. LRS continua a integrarsi bene con qualsiasi di questi scenari di utilizzo, e abbiamo ottenuto l’approvazione HEC oltre alla nostra certificazione BC-XOM. Insieme al servizio HEC di SAP altri fornitori di cloud, come per esempio T-Systems International, ospitano ambienti in grado di integrare LRS VPSX/OutputManager e SAP tramite l’interfaccia BC-XOM.

E ovviamente, non è tutto. SAP offre anche pacchetti diversi come S/4HANA (ES) — la versione essenziale — e S/4HANA (EX) – quella estesa.

Emerge una GRANDE differenza tra queste due opzioni. S/4HANA EX utilizza lo stack ABAP standard, e rende disponibili lo spooling e il feedback di BC-XOM, il che significa che tutto continua a funzionare come in passato. Quindi, per questa variante (con approvazione HEC), potete continuare a usare VPSX/Output Manager proprio come facevate prima di implementare EX.

ES è invece tutt’altra cosa. Non c’è uno stack ABAP, non c’è spool e neppure l’interfaccia BC-XOM, ma è comunque possibile utilizzare ancora VPSX. Potete integrare la stampa sul cloud SAP (SAPCPRINT) e le stampanti VPSX Windows installando soltanto SAPCPRINT in un server con stampanti definite da VPSX. Oppure, per un approccio più flessibile, potete utilizzare l’estensione di stampa mobile VPSX. L’uso del canale della posta elettronica di ES per la stampa offre un vantaggio supplementare in quanto consente di stampare anche gli allegati in formato Office (e molti altri ancora). 

Questi lavori di stampa possono anche essere diretti a specifici utenti della stampa sicura.

Stiamo lavorando sulla nostra integrazione certificata basata sul non-polling che, auspichiamo, sarà certificata da ICC a breve. Questo vi permetterà di sostituire SAPCPRINT con il codice LRS che vi consente di interfacciarvi direttamente alle nostre stampanti senza l’esigenza di operare in Windows.

Un aspetto interessante è che SAP ha scelto di adottare un nuovo sistema di gestione dell’output (come lo ha chiamato) e questo ha creato una grande confusione tra i clienti. Alcuni hanno ipotizzato che ciò significasse che SAP stava integrando le funzionalità di gestione dell’output aziendale mentre altri pensavano che questa decisione non avrebbe più permesso a BC-XOM di funzionare. Nulla di tutto ciò è vero; SAP sta usando i termini “gestione dell’output” per descrivere la parte della sua tecnologia che collega il programma alla produzione di documenti. Questo è un concetto completamente diverso da quello che il resto del mondo chiama gestione dell’output aziendale, Enterprise Output Management, le cui caratteristiche chiave sono la consegna garantita dei documenti e il feedback. SAP ci ha assicurato che per tutti i moduli, anche quelli nuovi, le stampanti che utilizzano il tipo di connessione “E” saranno disponibili per tale output e, pertanto, l’interfaccia BC-XOM continuerà a funzionare.

Ovviamente, la rivoluzione del cloud non ha risparmiato neanche LRS. La abbiamo accolta e il nostro prodotto core supporta ora totalmente la stampa (incluse la scansione e la stampa sicura ) su Internet. Chiariamo subito cosa significhi: vuol dire che non avete bisogno di una VPN o una connettività diretta di rete o un reverse proxy per indirizzare le vostre stampanti SAP in qualsiasi luogo specifico. A condizione che il luogo in cui sono ubicate le stampanti abbia accesso ad internet, i nostri nuovi clienti si registreranno attraverso il cloud e invieranno e riceveranno notifiche e lavori di stampa in modo sicuro tramite porte USB e le stampanti della rete locale. Non sono richieste modifiche al firewall o al router. Nel mondo reale, questo è utile perché molte delle organizzazioni nostre clienti lavorano con depositi in appalto a terzi e richiedono la stampa dell’output SAP correlato alla logistica in tali sedi. Poiché tutte le sedi in appalto a terzi sono esterne alle reti dei nostri clienti, occorre disporre di un modo pratico e al contempo sicuro di collegare il tutto. LRS vi permette di far funzionare l’intero sistema senza dover configurare e amministrare la connettività di rete come le VPN, WAN, ecc.

Abbiamo anche potenziato le nostre capacità di autenticazione. Ovviamente, i protocolli LDAP/S e AD standard continuano ad essere supportati e sono stati potenziati per migliorare l’integrazione foresta e multi-foresta. Tuttavia ora, con LRS Gateway, supportiamo oAuth2 e anche SignalR. Questo permette ai nostri clienti di eseguire VPSX nel cloud. Per i più entusiasti, VPSX è ora disponibile anche nel modello SaaS, con il quale i professionisti dei servizi gestiti di LRS, eseguono per voi la vostra istanza di VPSX.

In tutte queste situazioni, continuiamo a supportare pienamente la funzionalità BC-XOM, incluse le “estensioni stampante”; non è richiesto alcun intervento sulle definizioni delle stampanti in SAP. Tutto viene eseguito automaticamente da VPSX quando modificate le vostre definizioni delle stampanti nel sistema EOM. Questo non è altro che un ulteriore esempio dell’adagio che recita: “Più le cose cambiano, più restano come prima.”

Back to Posts