Skip to Main Content
Levi, Ray & Shoup, Inc.

Mappatura più facile per il vassoio della stampante per SAP e altro

Language Options

Non è necessario avere un dispositivo complesso come questo…

Printer Tray Mapping

… per essere preoccupati per la selezione dei vassoi di ingresso e di uscita.

Quasi tutte le stampanti di lavoro e i moderni dispositivi multifunzione hanno più di un vassoio di ingresso per la carta; spesso supportano anche più vassoi di uscita. Un motivo è che molte applicazioni e processi aziendali hanno bisogno di diversi tipi di carta e/o formati di carta. Un colore diverso per un avviso urgente qui, un foglio perforato per una fattura cliente lì, una busta stampata su misura con cui inviare entrambi questi documenti....

Quando un processo aziendale richiede una carta diversa, è possibile specificare in genere all'interno dell'applicazione di origine, a livello di pagina logica, il formato carta da utilizzare. Tuttavia, la selezione del vassoio specifico non è sempre così facile da controllare, perché non c'è conformità sugli standard per identificare un vassoio di ingresso o di uscita in tutti i diversi dispositivi. Ogni fornitore di hardware fa le cose in un modo diverso. Questo fa si che sia il driver di stampa a dover gestire correttamente la selezione del vassoio, ad esempio, nel caso di ambienti Windows o SAP che utilizzano driver appositamente sviluppati per elaborare le richieste di stampa native.

Printer Command Language (PCL), un popolare linguaggio di descrizione della pagina per i dispositivi di stampa, cerca di armonizzare questo processo, consentendo alla selezione "vassoio logico" di indicare al dispositivo fisico che vassoio di ingresso utilizzare per un determinato processo di stampa (così come il vassoio di uscita da cui il  documento finito dovrebbe uscire). Tuttavia, è improbabile che questi numeri di vassoio logici siano quelli indicati sul vassoio della stampante fisica stessa. Peggio ancora, non tutti i venditori e tutte le stampanti utilizzano gli stessi numeri logici. PostScript è un'alternativa popolare a PCL che offre un approccio simile alla sfida della selezione del vassoio della stampante. Sfortunatamente, non introduce alcun miglioramento significativo in questo processo.

Come si vede, può diventare un incubo identificare il numero logico del vassoio che si desidera utilizzare. E se si deve ripetere il processo per una grande flotta di diverse stampanti e dispositivi multifunzione nella vostra organizzazione, si può cominciare a dare un po' di matto. Peggio ancora, nel momento in cui si acquistano nuovi dispositivi di stampa per sostituire quelli vecchi o rotti, dovrete ricominciare tutto daccapo .

Oggi, quasi tutti i dispositivi di stampa consentono di richiedere la selezione automatica del vassoio logico, anche se non tutti i fornitori e modelli utilizzano lo stesso numero logico per identificare questo  "Magic tray ". L'opzione di selezione del vassoio automatico pone l'onere sulla stampante di selezionare il vassoio di input corretto basato sull'attributo paper definito nel file di spooling in ingresso. Tuttavia, questa selezione magica ha le stesse difficoltà in termini di determinazione del numero logico del vassoio automatico. Limita inoltre i criteri di selezione alle dimensioni della carta e non può specificare le proprietà della carta come il colore, la carta filigranata o lucida, ecc.

Selezione del vassoio per SAP

In un ambiente di applicazione SAP, lo standard SAPGOF (SAP Generic output format) utilizza un modo specifico per indicare i vassoi di input e output:

  • TRY01 Paper tray 1
  • TRY02 Paper tray 2
  • TRY03 Paper tray 3
  • TRY04 Paper tray 4
  • TRYMN Manual paper feed
  • TRYEN Envelope feed
  • TRYME Manual envelope feed

In sostanza, SAP si basa sui driver della stampante per gestire il complesso compito di associare il numero logico del vassoio del dispositivo a quello specificato all'interno del flusso di dati di SAPGOF. Tuttavia, questi driver della stampante non sono sempre aggiornati e accurati per tale istanza di SAP.

Il software Enterprise Output Management di LRS semplifica il modo di gestire i requisiti per la selezione del vassoio, consentendo di disaccoppiare logicamente le applicazioni aziendali che producono i vostri rapporti critici dai dispositivi fisici nella vostra flotta di stampanti. Di conseguenza, le applicazioni non devono più preoccuparsi a quale dispositivo di destinazione finale i rapporti devono essere indirizzati.

Prima di tutto, il software transform di LRS interpreta perfettamente qualsiasi comando del flusso di dati che seleziona un vassoio specifico e conserva queste informazioni nel flusso di dati di output stesso. Il software offre inoltre la flessibilità necessaria per configurare ogni transform per ogni dispositivo fisico (coda server) per mappare il vassoio di stampa fisico corretto in base al numero di vassoio logico di input specificato.

Quando si tratta in particolare di dati SAPGOF prodotti da Application Servers di SAP, LRS offre molte diverse Transforms OTF2xxx che generano output in tutti i formati standard di lingua della stampante (ad esempio, PCL, PostScript, ecc.). Questo aiuta a soddisfare le vostre esigenze anche nel caso di gruppi di stampanti eterogenee, consentendo di abbinare i vassoi logici a quelli fisici senza l'uso di driver specifici per SAP.

Se si è molto fortunati, potrebbe non essere necessaria nessuna conversione di flusso di dati poiché le applicazioni già generano l'output in un formato pronto per la stampante. In questo caso, è possibile che si desideri utilizzare la soluzione Output Management di LRS per sfruttare la funzionalità cosiddetta PCMD (comando di stampa). La funzione Advanced PCMD invia al dispositivo fisico uno o più comandi prima di trasmettere il file di spool reale alla stampante. Questo dà la possibilità di modificare il contenuto del flusso di dati nel caso in cui non sia appropriato per quel dispositivo specifico. Ad esempio, si può avere un gruppodi dispositivi che si comportano in modo diverso dal resto della vostra flotta in termini di selezione del vassoio. Utilizzando PCMDs, è possibile utilizzare le impostazioni predefinite per la maggior parte delle applicazioni di stampa e lasciare il software LRS a gestire le eccezioni.

Infine, la soluzione Output Manager di LRS offre la possibilità di richiamare un processo esterno prima di inviare il file di spool alla destinazione finale. È possibile passare i dati dello spool insieme a tutti gli attributi associati in modo che il processo esterno possa manipolare il flusso di dati per qualsiasi requisito aziendale complesso. Questo dà al vostro sistema di gestione di output un modo flessibile e potente per affrontare i criteri di selezione del vassoio necessari per supportare i vostri stakeholder aziendali.

Dal più semplice al requisito più complesso, le soluzioni Enterprise Output Management di LRS possono aiutarvi a gestirlo senza mettere il vostro business a rischio!

Back to Posts