Skip to Main Content
Levi, Ray & Shoup, Inc.

La stampa in ambienti SAP

Language Options

Mi capita spesso di dover rispondere a domande spinose sugli ambienti di stampa, e una delle più frequenti è: “Perché a volte l’output da SAP scompare quando uso SAPSprint?” 

Innanzitutto, a mio avviso la causa del problema NON è SAPSprint. Tuttavia, poiché SAPSprint crea e trasmette l’output utilizzando lo spooler di Windows, in alcune circostanze questa soluzione potrebbe risultare inaffidabile per l’output SAP, specie quando si tratta di stampa in automatico, su workstation o non presidiata.

Il servizio SAPSprint è un’ottima soluzione per SAP, perché permette di usufruire di tutta la libertà, in fatto di font e periferiche, della stampa da Windows (un tipo di periferica, stampa Unicode) ed è anche semplice da installare. 

Dal punto di vista del sistema, la stampa da SAP avviene utilizzando il tipo di accesso “S” a un server di stampa Windows con SAPSprint. Con questa configurazione, tuttavia, quando si stampa in automatico di tanto in tanto possono sparire output di importanza vitale. 

Quando si stampa da un sistema Windows non è un grosso problema se scompare un lavoro di stampa. Se l’utente non trova i documenti presso la stampante, torna alla scrivania e rilancia la stampa: problema risolto. Invece, con la stampa automatica da SAP l’output generato (ad esempio un documento di consegna, un’etichetta d’ordine o le etichette delle merci) riveste un’importanza cruciale per i processi aziendali o logistici. 

Se uno di questi documenti non viene stampato, nel migliore dei casi un processo logistico urgente (ad esempio la partenza di un furgone) subirà un ritardo; nel peggiore, un ordine o una spedizione potrebbe andare completamente perduto. Poiché il processo logistico o di elaborazione degli ordini viene avviato altrove, chi lavora in magazzino non si aspetta di ricevere alcun output. Ma è proprio l’output di stampa a innescare la fase successiva del processo aziendale. Perciò, in questo caso se manca l’output il processo aziendale si interrompe.

Qualche anno fa lavorai insieme al team di sviluppo SAP alla creazione di una soluzione per la stampa affidabile di output prodotti da SAPSprint e posso affermare che funziona piuttosto bene e risolve il problema.

Per cui, vediamo come affronta la questione l’opzione “omsprint” di SAPSprint . La nota SAP n. 1545557 http://service.sap.com/sap/support/notes/1545557 afferma quanto segue:

Utilizzare SAPSPrint insieme a un sistema di gestione dell’output (OMS) esterno. Ciò interessa particolarmente le applicazioni che dipendono da tipi di dispositivi SAPWIN generici. La nuova interfaccia OMSPRINT riunisce i vantaggi di SAPWIN (come la stampa indipendente dal tipo di dispositivo attraverso i driver di stampa Windows e con qualunque font) con i vantaggi di un sistema OMS (come il monitoraggio dei lavori di stampa e la conferma dello stato tramite chiamata di funzione a distanza, o RFC).

Per attivare questa interfaccia basta collegare il sistema OMS (ad esempio LRS Enterprise Output Server) con l’interfaccia per riga di comando OMSPRINT a SAPSprint, e interrompere (e mettere in modalità manuale) il servizio SAPSprint Windows. Quindi, ridefinire le stampanti servendosi di quell’istanza di SAPSprint per utilizzare il tipo di accesso “E” nel sistema OMS. 

Il collegamento tra il sistema OMS e il file eseguibile di OMSPRINT generalmente avviene durante un processo di tipo FILTER. I sistemi di gestione dell’output esterni consentono di avviare un processo (qualsiasi processo) quando nella coda di stampa c’è un lavoro pronto per l’output, con l’ovvio vantaggio che eventuali problemi di creazione, trasmissione o stampa dell’output verranno rilevati dal sistema OMS e riferiti direttamente all’applicazione chiamante (nello specifico SAP). 

Viene totalmente ignorata la trasmissione degli spool di Windows e, per garantire la stampa del lavoro, il sistema OMS usa la trasmissione controllata da PJL o ZPL. Eventuali errori vengono comunicati al sistema SAP (oppure ad altri sistemi di assistenza e di monitoraggio dell’infrastruttura, se desiderato) attraverso la funzione RFC BC-XOM RFC. 

L’implementazione di un sistema OMS, però, richiede un certo investimento in termini di tempo e di capitali. Ma dopo aver perso l’ennesimo ordine in un mese, aver affrontato ancora una volta un cliente insoddisfatto o aver visto un altro furgone partire in ritardo, magari vale la pena provare.

Oltre alla stampa da gestionale, i sistemi EOM offrono molti altri vantaggi: possono ridurre drasticamente i costi dell’infrastruttura di stampa, ripagandosi in pochi mesi. 

Da ultimo, mi dichiaro direttamente interessato alla questione, in quanto dipendente LRS, e ho visto di persona come la nostra soluzione EOM è in grado di risolvere problemi di questi tipo. Se desiderate ulteriori informazioni sulle soluzioni LRS, fate clic qui oppure contattate LRS per discutere il ROI e i miglioramenti che vi aspettate per il vostro ambiente SAP.

Back to Posts