Skip to Main Content
Levi, Ray & Shoup, Inc.

Tre suggerimenti e uno strano vecchio trucco per una stampa migliore

Language Options

Abbiamo visto tutti quegli annunci pop-up su Internet che promettono una rapida soluzione ad una vasta gamma di problemi. Circa il 99,9 per cento del tempo è un errore indugiare con il cursore su di loro. Fortunatamente, questa volta hai cliccato giusto.

Il team di supporto LRS si occupa di clienti di ogni dimensione, di ogni continente e di ogni settore. Di conseguenza, il nostro software è progettato per essere altamente flessibile e personalizzabile per adattarsi alle varie situazioni. Ma ci sono alcune astuzie generali per la configurazione della nostra famiglia di prodotti VPSX di cui  può beneficiare quasi qualsiasi cliente.

Con questo, vorrei offrire alcuni suggerimenti da prendere in considerazione quando si configurano le stampanti in VPSX:

Suggerimento #1: Assicurarsi di impostare sia un valore di TEMPO DI TRATTENIMENTO che un valore di TEMPO DI CODA per tutte le stampanti definite. La maggior parte dei clienti ricorda di specificare un tempo di TEMPO DI TRATTENIMENTO, che indica al sistema quanto tempo mantenere il documento dopo che è stato stampato correttamente. In questo modo, se gli utenti desiderano stampare un duplicato di quel documento, non devono tornare all'applicazione originale e generarlo da zero. Mantenere il documento originale può essere utile anche se è necessario risolvere un problema con tale documento.

Stranamente, molti clienti lasciano il campo TEMPO DI CODA vuoto. Questa parola chiave controlla il tempo massimo (in ore) che un file di stampa rimarrà in una coda senza essere stampato. La funzione ha lo scopo di arrestare code o code obsolete (dove la stampante non è più disponibile) da riempire gradualmente con i file di spool che non stamperanno mai. Per impostazione predefinita, l'output rimarrà in una coda finché non viene stampato o eliminato in modo esplicito (per evitare perdite di dati involontarie). Impostare un valore ragionevole di TEMPO DI CODA può salvare le risorse di sistema, lo spazio d’archiviazione, e ridurre il tempo di inizializzazione di VPSX. Per impostare il valore del tempo della coda, fare clic sulla scheda "avanzate" della schermata di configurazione della stampante, come illustrato di seguito. Il valore di TEMPO DI TRATTENIMENTO si trova nella scheda "Informazioni di base".

 

Ok, posso quasi sentirti dire "certo John... ora dimmelo tu. Devo tornare indietro attraverso ogni singola definizione della stampante e aggiungere i valori di TEMPO DI CODA e di TRATTENIMENTO? " Fortunatamente, c'è un modo più semplice. Abbiamo strumenti come la nostra Definizione di Stampante e lo Strumento di Distribuzione (PDDT) che automatizzano gran parte di questo lavoro.

Suggerimento #2: Quando si definiscono le stampanti, di solito raccomando agli amministratori di controllare la casella di controllo " Non unire connessioni in uscita a TCPHOST". Questo dice al software LRS di non legarsi a nessuna specifica scheda NIC (Network Interface Controller). Selezionando questa casella, si consente al sistema operativo di determinare la migliore scheda NIC da utilizzare per l'invio dei dati alla destinazione desiderata. Questo è l'approccio migliore nella maggior parte degli ambienti, ma alcune organizzazioni richiedono l'associazione esplicita NIC a causa di regole di firewall rigorose. Se questo è il caso della vostra organizzazione, potrebbe essere necessario chiamare LRS per discutere le alternative per bilanciare la sicurezza del network, le prestazioni e la flessibilità della rete. Se si stanno vedendo messaggi di errore nel registro VPSX come "richiesta di binding TCP/IP non riuscita", cliccare su quella casella renderà le connessioni in uscita più efficienti e impedirà che tali errori si verifichino.

Suggerimento #3: Selezionare l'opzione "Apri le porte del server dopo l'attivazione della stampante". Questo dice al software LRS di non aprire le porte e accettare lavori fino a quando tutte le stampanti siano state attivate. In tal modo si assicurerà che tutte le stampanti siano pronte a ricevere output prima che qualsiasi applicazione possa connettersi a VPSX. 

Quando il software VPSX viene avviato, si apriranno le porte in ingresso e si cominceranno ad attivare le stampanti in ordine alfabetico. A seconda del numero di processi nella coda (vedere Suggerimento #1), potrebbe essere necessario un minuto o più per attivare tutte le stampanti. Durante l'attivazione, se si invia un lavoro a una stampante denominata  "A_PRTR " sarà probabilmente attivato e si sarà in grado di ricevere il lavoro. Tuttavia, se si invia un processo a una stampante denominata  "Z_PRTR, " la stampante potrebbe non essere ancora attivata e si riceverà un errore  "stampante non definita ". Selezionando la casella "Apri le porte del server dopo l'attivazione della stampante", viene indicato a VPSX di attivare prima tutte le stampanti e aprire solo le porte in ingresso dopo aver completato l'attivazione della stampante. Questo ridurrà anche il tempo di inizializzazione di VPSX perché VPSX (e le sue risorse del server) può concentrarsi sull'attivazione delle stampanti.

Un vecchio strano trucco: OK, so che questo anzitutto è ciò che ti ha fatto fare clic su questo blog, così eccolo: impostare i parametri di registrazione nel vostro sistema VPSX per darvi un sacco di informazioni in caso abbiate la necessità di contattare il supporto LRS. La prima cosa che vorrete impostare è la scadenza dei log, che determinerà quante ore i log vengano conservati prima di essere eliminati. Vorrei raccomandare almeno una settimana, ma se non dovete risparmiare spazio sul disco, mantenerli per più tempo potrebbe essere utile. Più file di log si hanno, più informazioni saranno disponibili per aiutarmi... ehm, per aiutare il vostro team di supporto LRS... ad individuare qualsiasi problema di stampa.

La prossima cosa che desidererete impostare è la dimensione del log. Se avete mai provato a seguire un lavoro di stampa lungo tutto il percorso attraverso VPSX, avrete notato che il log è archiviato ogni poche ore (o anche minuti su sistemi occupati). Se il lavoro si estende per più log, può essere difficile vedere tutti i messaggi su uno schermo. Per semplificare il processo, è possibile aumentare la dimensione del log. La mia regola empirica è di calcolare la dimensione totale dei log per un solo giorno e poi ingrandirla un pò. In questo modo in media si ha circa un log al giorno. Anche se per motivi di gestibilità, vorrei suggerire di mantenere la dimensione del file a 50 MB o meno. Lo spazio su disco è relativamente poco costoso di questi giorni, quindi avere un sacco di dati di registrazione è un’assicurazione a buon mercato.

Sì, quest'ultimo punto è chiaramente nel mio interesse personale e di quello dei miei colleghi del Supporto di LRS. Ma aiuta anche voi, dal momento che avere ampie informazioni nei vostri log di VPSX ci aiuta ad identificare più rapidamente le configurazioni dei dati in modo che possiamo trovare ciò che sta causando il problema che ha spinto a chiamare LRS.

Ho accumulato anche altre buone pratiche, che condividerò in un articolo futuro. Nel frattempo, se avete domande su come ottenere il massimo dal vostro software LRS, contattate uno dei nostri esperti di stampa e faremo del nostro meglio per aiutarvi.

Back to Posts